mercoledì 29 gennaio 2014

Tutta colpa di Freud



In Tutta colpa di Freud, Francesco Taramelli (Marco Giallini) è uno psicanalista divorziato e padre di tre figlie sfortunate in amore, le quali sono anche le sue pazienti più fedeli, avendo ognuna a che fare con i propri problemi d'amore. C'è Sara (Anna Foglietta), la figlia più grande, lesbica, che decide di tornare da NEW YORK e diventare etero dopo l'ennesima delusione, perché probabilmente le donne non la capiscono come forse farebbero gli uomini.
Poi c'è Marta (Vittoria Puccini), romantica libraia dall'innamoramento facile con uomini impossibili, che instaura un forte e sorprendente legame con un ladro di libri sordomuto (Vinicio Marchioni) e si complica la vita e impara il linguaggio dei sordomuti. E infine Emma (Laura Adriani), brillante diciottenne, innamorata di un uomo di cinquant'anni (Alessandro Gasmann) prossimo alla separazione con la moglie. Come se non bastasse, anche lo stesso Francesco il psicanalista prova un sentimento platonico per una misteriosa donna (Claudia Gerini) che incontra ogni mattina al bar prima di andare al lavoro.

La nuova commedia di Paolo Genovese (tratta dal suo stesso libro) sorprende per dinamismo e spigliatezza. L'intreccio narrativo è sviluppato in maniera incredibilmente accurata e i vari sketch, alcuni particolarmente geniali (la scena della denuncia nel commissariato di Claudia Gerini) non risultano mai forzati ma appaiono invece naturali e realistici pur all'interno di situazioni paradossali. Nonostante la trama sia quella tipica della commedia degli equivoci italiana, essa non risulta mai banale, ma anzi, l'inserimento di inaspettati colpi di scena e di personaggi non tipici di questo genere mantiene alti sia l'attenzione che il divertimento. La sceneggiatura è ben attenta ad evitare eccessi di ogni tipo. Notevole e degno di lode è il cast del film: Marco Giallini,  il psicanalista, e Alessandro Gasmann, il cinquantenne formano un'ottima coppia comica che potrebbe probabilmente avere un futuro; nulla da dire su una sempre più in forma Anna Foglietta e una splendida e sognatrice Vittoria Puccini, senza tralasciare le sorprese della giovanissima Laura Adriani e di una Claudia Gerini quasi inedita nella compostezza del suo ruolo. Il lavoro della direzione sugli attori è visibile tanto da formare un equilibrio perfetto nel numeroso cast. Il film è ben scritto e ben girato con musica pertinente.  Tutta colpa di Freud è una commedia che merita assolutamente e che, alla fine, decide di lasciare il pubblico con una riflessione piuttosto che con un dato di fatto. Un film, in poche parole, sorprendente. (Sabina Pistillo)

1 commento:

  1. Che film garbato e piacevole! Un bel cast e due città alleniane, Roma e New York... Con la cultura ed il sorriso l'Italia si riprende...

    RispondiElimina

"Siamo tutti Alberto Sordi?" il docufilm di Fabrizio Corallo su SkyArte e su Sky Cinema Comedy

"Siamo tutti Alberto Sordi?" Il docufilm di Fabrizio Corallo, fortunatamente presentato in epoca pre-pandemia, è andato in...