lunedì 10 ottobre 2016

MIMMO JODICE: RETROSPETTIVA AL "MADRE" DI NAPOLI



Mimmo Jodice è uno dei grandi fotografi della storia della fotografia italiana. Vive a Napoli dove è nato nel 1934. Fotografo di avanguardia sin dagli anni Sessanta, attento alle sperimentazioni ed alle possibilità espressive possibilità espressive del linguaggio fotografico, è stato protagonista instancabile nel dibattito culturale che ha portato alla crescita e successivamente alla affermazione della fotografia italiana anche in campo internazionale.






Caratterizzano la sua arte immagini talora ciniche di un mondo di emarginati: volti sfumati o tagliati scultoreamente in luci incerte in ambienti suburbani, industriali, in occasioni religiose. Bambini, uomini e vecchi. Immagini manicomiali tristissime. Poi d'improvviso l'obiettivo rifiuta negli anni Ottanta ogni figura umana, come se il fotografo avesse avuto una crisi nella sua humanitas. Compaiono paesaggi con geometrie e ombre tutte rigorosamente in bianco e nero e la ricerca diviene collateralmente emozionogenica. Comunque il trionfo della pellicola, dell'analogico sul digitale. (am)

Nessun commento:

Posta un commento

Che cosa è un CPIA -PES per la cultura italiana? STORIE DI TRASFORMAZIONE E MIGRAZIONI. (2)

Narrarsi e narrare. All'articolo (1) fa seguito il concreto: narrare esempi di vita che sono romanzi o potenziali script per un fil...