venerdì 29 aprile 2016

#INTERNETDAY La Sfida del Futuro: da Pisa alla Banda Larga


Nel 1986, trent’anni fa, un gruppo di scienziati – Luciano Lenzini, Stefano Trumpy, Marco Sommani e Antonio Blasco Bonito del Cnuce-CNR di Pisa – realizzavano, grazie alla collaborazione interdisciplinare, e ad un router "grande come un frigorifero" donato dagli USA, il primo collegamento italiano alla Rete di allora: Arpanet. 

Trumpy intervistato dalla tv USA sul satellite italiano Sirio

Stefano Trumpy oggi








Antonio Blasco Bonito, informatico del gruppo: è nato a Bari nel 1951. In primo piano il fisico Luciano Lenzini.

Stefano Trumpy all'Internet Day

 Il 30 aprile 1986 il gruppo trasmise il primo segnale dal centro di ricerca pisano, tramite la stazione Telespazio nel Fucino, agli Stati Uniti e alla rete Arpanet. Alla parola "ping" fu risposto "ok". Tutto qui. E si apriva una nuova era, dopo quella "spaziale". Non ci fu alcuna risonanza dei media dell'epoca, probabilmente perché era scoppiato il fenomeno Chernobyl. Solo blanda risonanza sulla letteratura scientifica. Eppure il "Il dado era tratto". Come si è arrivati a questo? Lo hanno raccontato in diretta tv i protagonisti dell'evento. 


Non si può tacere che fuori della sede di trasmissione, per strada ci sono stati scontri con la polizia da parte di attivisti di centri sociali (è rimasto ferito anche un videomaker di "Repubblica": a molti è sfuggito il nesso (per l'atteso premier? Renzi ha parlato in videoconferenza da Roma dovendo accogliere il vice-presidente USA).

Ricordiamo qualche riferimento cronologico.

  • Dal 1960 al 1971 si passa negli USA da ARPA (uso militare) ad ARPANET
  • 1986 Italian Internet Day: 30 anni dal primo collegamento italiano 
  • 1991 nasce il WEB  e nasce 1993 il primo sito italiano:  www.crs4.it 
E noi come Istituto SIEB e giornale INCULTURA (non ancora registrato) facemmo la nostra comparsa dopo il 1996 su clio.it, il primo Internet Provider nato nell'Italia meridionale nel 1995. Visitammo anche il server di Canosa e ricordiamo ancora i grandi ventilatori per uso domestico che raffreddavano i computer... Ora Clio Spa è una grande realtà del Mezzogiorno.

La RAI, prima rete delle reti, ha quindi dedicato una giornata di grande prestigio culturale all'evento così poco noto a noi tutti. Con internet tutti possiamo possiamo accedere non solo alle informazioni di oggi ma anche ai ricordi a alla storia. La RAI  ed i suoi archivi - www.techerai.it - con le sue Teche costituiscono e sostengono una memoria storica dell’Italia (e non solo): per un mondo digitale più ricco di quella consapevolezza che origina dalla conoscenza del passato che ha reso possibile il presente. Su RAI Scuola poi il materiale a disposizione della istruzione ed aggiornamento è enorme: si deve dare atto alla RAI che svolge il compito istituzionale al meglio nel promuovere la cultura con ogni strumento (assieme all'istituto Treccani costituiscono un baluardo contro il processo di impoverimento culturale). (am)



1 commento:

  1. Il Prof. Alessandro Antonicelli / Direttore Commerciale (Commercial Director) di Clio.com ha apprezzato la citazione storica da noi fatta e precisa che il luogo da noi visitato è Lecce. Grazie prof e saluti

    RispondiElimina

#CROLLO #PONTE #GENOVA UNA VOLTA L'ITALIA ERA UNITA DINANZI ALLE TRAGEDIE...

Prima di tutto un plauso ed un ringraziamento  ai professionisti e no che lavorano da ieri ininterrottamente per salvare il salvabile ...