sabato 4 novembre 2017

Nave Amerigo Vespucci: "la più bella del mondo"



Ha incantato oltre 12mila visitatori a Taranto la nave scuola Amerigo Vespucci della Marina militare confermando tutto il suo fascino durante la sosta nel mar Grande. E' stata definita la "nave più bella del mondo".


Ad accogliere i visitatori è stato il capitano di vascello Roberto Recchia, pugliese di Putignano. La Nave Scuola Amerigo Vespucci, l'Unità più anziana in servizio nella Marina Militare, fu interamente costruita e allestita presso il Regio Cantiere Navale di Castellamare di Stabia nel 1930-31. Consegnata alla Regia Marina il 26 maggio 1931, entrò in servizio come Nave Scuola il successivo 6 giugno, aggiungendosi alla gemella Cristoforo Colombo (in realtà leggermente più piccola). Il motto della nave è "Non chi comincia ma quel che persevera", assegnato nel 1978. Dal punto di vista tecnico-costruttivo l'Amerigo Vespucci è una Nave a Vela con motore; dal punto di vista dell'attrezzatura velica è "armata a Nave", quindi con tre alberi verticali, trinchetto, maestra e mezzana, tutti dotati di pennoni e vele quadre, più il bompresso sporgente a prora, a tutti gli effetti un quarto albero. Come ricorda la Marina Militare, "l'unità è inoltre fornita di vele di taglio: i fiocchi, a prora, fra il bompresso e il trinchetto, gli stralli, fra trinchetto e maestra e fra maestra e mezzana, e la randa, dotata di boma e picco, sulla mezzana". Il porto di assegnazione è La Spezia.




Al termine della Campagna d’istruzione che l’ha vista toccare i porti oltre Atlantico la nave è ripartita a fine settembre da Livorno per effettuare la navigazione attorno al nostro Paese che l’ha già vista accogliere a bordo circa 40.000 visitatori nel corso delle soste di Civitavecchia, Chioggia, Venezia, Trieste e Castellammare di Stabia, città campana luogo delle sue origini dove ben 86 anni fa, sotto la supervisione del Direttore e responsabile della progettazione, tenente di vascello del Genio Navale Francesco Rotundi, fu impostata, costruita e varata.(am)



Nessun commento:

Posta un commento

#CROLLO #PONTE #GENOVA UNA VOLTA L'ITALIA ERA UNITA DINANZI ALLE TRAGEDIE...

Prima di tutto un plauso ed un ringraziamento  ai professionisti e no che lavorano da ieri ininterrottamente per salvare il salvabile ...