lunedì 29 febbraio 2016

IL NABUCCO AL PETRUZZELLI




Fu rappresentata la prima volta a Milano, al teatro alla Scala il 9 Marzo 1842: dunque anni prima della Prima Guerra di Indipendenza, per cui ha come opera un valore storico particolare per il Risorgimento che si respira in ogni scena. Terza opera di Verdi, si chiamava inizialmente Nabuccodonosor; ma il titolo fu abbreviato per un'esecuzione tenuta a Corfù nel 1844. È un'opera d'importanza vitale anche per il musicista che, amareggiato dai gravi lutti familiari e reduce da un insuccesso teatrale (Un giorno di regno), aveva preso in seria considerazione di non scrivere più. Quando l'impresario Merelli gli sottopose il libretto del Nabuccodonosor, Verdi lo guardò con attenzione e rinato interesse: al leggere Và pensiero pensò alla situazione dell'Italia occupata e alla possibilità di realizzare un'opera simbolicamente patriottica. Il successo dell'opera fu enorme anche per i motivi politici: in quattro mesi, ebbe ben 57 rappresentazioni. Per Verdi fu anche l'occasione del primo incontro con Giuseppina Strepponi, che doveva, di lì a molti anni, divenire sua moglie
Noi abbiamo assistito allo spettacolo il 28 Febbraio 2016. Sul podio dell’Orchestra del Teatro il bravo maestro Roland Böer , maestro del Coro Franco Sebastiani. Le scene sono di Peter Hall (1926 2010), i costumi di Pasquale Grossi, il disegno luci di Claudio Schmid, le coreografie di Marta Ferri. Assistente alla regia Daniela Zedda.
Lo spettacolo barese è una produzione della Fondazione lirico-sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, le scene sono quelle dell'affascinante allestimento di datazione incerta (1963-65) dipinto nel laboratorio Sormani di Milano durante una collaborazione di Peter Hall presso il Teatro alla Scala. Dai documenti consultati – racconta Marzio Cardaropoli, proprietario attuale del fundus Sormani - l’allestimento sembra sia stato realizzato nei primi anni Sessanta. La prima data certa risale al 1968 al Teatro Regio di Torino (seguirono altri teatri: Bergamo, Cremona, Barcellona in Spagna e Novara). 
Interpreti del capolavoro verdiano: Giovanni Meoni (Nabucodonosor, baritono), Antonio Corianò (Ismaele, tenore), Ernesto Morillo (Zaccaria, basso), Susanna Branchini (Abigaille, soprano), Daniela Innamorati (Fenena, soprano), Rocco Cavalluzzi, (Gran Sacerdote), Gianluca Bocchino (Abdallo, tenore) Marta Calcaterra (Anna, soprano). Uno spettacolo di elevato livello con tanti applausi ed emozioni. 
Il Petruzzelli, che si dice sia il più grande teatro d'Italia e il più grande teatro privato d'Europa, insiste nel far sentire la propria voce autorevole. (t.a.)




Nessun commento:

Posta un commento

LA TERRA é PIATTA, signori miei. E la Medicina uccide.

Quante bufalate circolano nella Rete e tra i neuroni dei soggetti a rischio? Il paranoidismo è stato alimentato e incrementato dai rimba...