giovedì 15 ottobre 2015

47° Congresso Nazionale della SIP




Si è svolto ai Giardini Naxos di Taormina il 47° Congresso Nazionale della SIP (Società Italiana Psichiatria) dall’11 al 15 Ottobre 2015. Attuale presidente è il prof. Emilio Sacchetti. Presente anche come relatore il presidente della World Psychiatric Association, prof. Dimesh Bhugra (ha parlato di Migration and Schizophrenia) ed il presidente della European Psychiatric Association, prof.  Wolfang Gaebel (Schizophrenia: New Face of Psychiatry).
 
Wolfang Gaebel


Sembrava che il maltempo sull’Italia e sulla Sicilia in particolare dovesse sabotare la periodica riunione dei professionisti ma non è stato così. Solo dal pomeriggio del mercoledì il mare ha preso ad agitarsi e nuvoloni si sono rincorsi nel cielo neri e minacciosi con brusco calo della temperatura. Ha accolto i lavori congressuali l’Hotel Hilton con sette sale per consentire sessioni in contemporanea e sessioni in ECM. Difficile seguire senza fare scelte assurde ma, si sa, certi megacongressi sono un po’ come l’Expo: nessuno può vedere che una piccola parte. Il tema: Salute Mentale, benessere, lavoro e futuro: il nuovo volto della psichiatria. Megagalattico anche l’argomento e difatti ha potuto contenere i contenuti più classici e quelli più nuovi: si è passati dalla diagnostica alla terapia, dalla nosografia alle ricerche sperimentali condotte con strumenti sempre più sofisticati di diagnostica per immagini ( RMNf, PET) e tecniche genetiche. Si è parlato tanto di sonno ed insonnia, dello scardinato ritmo sonno-veglia degli adolescenti, di psicosi e droghe, di epigenetica e  plasticità neuronale, di  Connectome e  neurogenesi, di farmaci e farmacogenetica, di nutrigenomica e nutriceutica, di psicoterapia e mindfulness senza tralasciare approcci strumentali come rTMS (repetitive Transcranial Magnetic Stimulation)  e tDCS  (transcranial Direct Current Stimulation). 
La architettura neurale si complica enormemente tra la nascita (sin) e i due anni di vita.

Lo sviluppo neurale è comunque asimmetrico: nella adolescenza la PFC (Corteccia PreFrontale) è meno sviluppata che nell'adulto; la amigdala (emozioni) è più sviluppata della PCF per cui un adolescente appare più "impulsivo" di un adulto.

Le abitudini e la palestra mentale sono cambiate dal 1900 (lettura libri, suonare, giornali) ad oggi : ciò ha importanti ricadute sull'hardware dell'adolescente


Insomma tanto di tutto. La difficoltà crescente dell’assistenza psichiatrica territoriale e ospedaliera e la carenza di neuropsichiatria infantile sono state dibattute con maggiore sincerità rispetto alla tendenza del “politicamente corretto” che ha dominato per anni nascondendo problemi di rilevanza mediatica.  E’ emerso così lo sforzo di vicariare i compiti assistenziali degli OPG chiusi. Il congresso consente in effetti di tastare il polso alle varie discipline psichiatriche e di riprendere contatti con colleghi sparsi in tutta Italia, di conoscerne di nuovi in una situazione relazionale che facilita scambi di esperienza e condivisione;  è bello e utile condividere aspetti cognitivi ed emozionali in una professione di aiuto tra le più rischiose in termini di burn out e rischi di incolumità personale (e la lista di psichiatri feriti o uccisi nel corso del lavoro quotidiano non si chiude mai).  
In apertura di lavori il compositore Nicola Piovani (ricordate la colonna sonora de La vita è bella di Benigni?)  ha culturalmente spaziato parlando di Lingua musicale del disagio.
Molta attenzione è stata dedicata allo sviluppo del cervello-mente nell’adolescente ed agli effetti nefasti delle sostanze psicoattive  e della deprivazione di sonno sull’hardware encefalico in evoluzione (spiegando come mai le ore della notte causano tanti incidenti mortali). Il prof. Biggio ha ammesso di aver parlato p.e. del pericolo della "nuova" cannabis sulle menti dei teenagers (rischio documentato di psicosi allucinatorie) con dei politici romani: è stato deriso con una "vada pure a respirare un po' a piazza Navona..." Praticamente è stato mandato a quel paese. Una mente che l'Europa ci invidia e che negli USA avrebbero messo a capo di un progetto flagship: come il  BRAIN (Brain Research through Advancing Innovative Neurotechnologies) Initiative che ha l'obiettivo di mappare ogni neurone del cervello. Progetto di ricerca discusso quanto l'europeo Human Brain Project che è uno dei due progetti "flagship" europei, cioè i due progetti "faro" in cui l'Europa ha deciso di investire soldi ed energie per i prossimi dieci anni (l'altro è un megaprogetto sul grafene). Comunque vadano le cose nel mondo si investe sul cervello umano dato che il cervello umano ha "investito" il mondo. (a.m.)

Il prof. G. Biggio ricercatore di fama internazionale che investiga il SNC: da anni attira la attenzione dei media e degli educatori sul rischio-droghe che incombe sulle menti in sviluppo tra i dieci e venti anni. La digitalizzazione della mente poi costituisce un altra preoccupazione per lo studioso alla pari della decurtazione di sonno. 



Nessun commento:

Posta un commento

Che cosa è un CPIA -PES per la cultura italiana? STORIE DI TRASFORMAZIONE E MIGRAZIONI. (2)

Narrarsi e narrare. All'articolo (1) fa seguito il concreto: narrare esempi di vita che sono romanzi o potenziali script per un fil...