venerdì 10 aprile 2020

Lettera a tutti gli Sciacalli in epoca di #pandemia da #Coronavirus #Covid19


Lettera a tutti gli Sciacalli (Trasgressori, Untori, Sabotatori, Irosi , Trimalchioni ) e agli Sciacalli elettronici senza volto


Voi Sciacalli siete eroi di niente e lavorate per distruggere. Non avete capito che stiamo cercando di salvare anche voi sciacalli accomunati dal  "cerebrum non habet" di Fedro.

Questa è una guerra contro il genere umano. Ma la faremo finire. Assieme.


Nessuna pandemia elimina interamente una specie vivente: non sopravviverebbe lo stesso agente patogeno, il microrganismo. Sappiatelo, è legge di Natura. Ma la pandemia, fino a non scompare, stermina senza distinzione di età, genere, classe, nazionalità, etnie, cultura. Come il quarto cavaliere dell’Apocalisse (Morte-Pestilenza), stermina a caso: come il nazista che spara dalla finestra nel film di Spielberg “Schindler's List” (1993). Vengono meno nonni, genitori, figli, medici e infermieri, cassiere, operai, volontari, tutori dell’ordine, criminali, guardie e ladri ecc. Che brutto scrivere “ecc.”, eh? Quello dei TG è un bollettino di guerra cui stiamo facendo l'abitudine. Si tratta di tantissime persone e storie irripetibili, quelle storie che rendono la vita comunque una bella sfida da affrontare. Come tutte le guerre, anche questa è scoppiata troppo all’improvviso, sul filo del bicchiere di spumante con cui ci siamo augurati un anno migliore. Per concludere il conflitto anche negli esiti catastrofici, ci vorrà tanto sacrificio e dolore, e verrà il  dopo-guerra, quando potremo cantare che ce l’abbiamo fatta senza chiederci troppo come risollevarci. 

Homo sapiens è così, cade e si rialza. 


Ma come tutte le guerre anche questa prevede gli Sciacalli di ogni tipo, antichi e moderni.  Inutile chiedersi perché esistano sciacalli in frangenti così dolorosi di per sé. Sappiamo solo come agiscono. 
Concittadino caro, se non sei uno Sciacallo lascia perdere, puoi anche non leggere oltre. Sei un bravo Cittadino che sa collaborare con lo Stato, sai già che lo Stato siamo noi e sai come comportarti (come per le piccole cose come la raccolta differenziata che riguarda immondizie). Voglio rivolgermi a quelli che probabilmente non leggeranno  oltre, dicendo “Ah, il solito buonista che predica bene e razzola male”; quelli che sanno solo offendere, vittime anch’esse della propria ira. Pazienza. In democrazia ( e fuori) non ci possono mettere a tacere.

Cari Sciacalli, 


in periodi storici così difficili, vi preghiamo di non contribuire a diffondere messaggi disfattistici, destabilizzanti, protestatari,  e collerici.  Nessun governo avrebbe potuto fare qualcosa di diverso in una emergenza simile tant’è che ogni governo democratico del mondo, di qualunque colore politico, ha promulgato misure sovrapponibili a quelle italiane e noi con la nostra gloriosa Protezione Civile e con tutti le forze messe in campo, siamo modello per gli altri (anche per quelli che ci avevano deriso per il clamore  e che ora contano morti più di noi). 

Pensate che la SARS del 2002-04 (da SARS-CoV-1) fece in tutto novecento morti tra cui il medico microbiologo italiano che la identificò per primo:  Carlo Urbani (1956-2003). 


Quel sacrificio è simbolo di tutti gli Operatori Sanitari caduti “sul campo” ed è faro per i viventi. Con il virus SARS-Cov-2, l’attuale,  contiamo ogni giorno migliaia di caduti e dappertutto! È una guerra (anche alla nostra presunta e presuntuosa onnipotenza ) e  bisogna imparare ad attendere, difendersi con il cervello, essere pazienti perché non finirà presto.

 Bisogna prima sopravvivere al virus con le restrizioni libertarie e poi sopravvivere economicamente 


Chi ha di più deve dare e chi ha di meno o nulla deve ricevere. Lo Stato siamo anche noi E lo Stato come Ente centrale lavora incessantemente per la salvaguardia personale e sociale; sta diramando aiuti enormi grazie all’aiuto della BCE che aiuta gli Stati membri (non sempre riconoscenti). 

E' notizia di oggi che la Bulgaria chiede di accedere alla Eurozona per accedere agli aiuti: dunque gli aiuti della UE sono già imponenti se vengono reclamati da Paesi estranei. Dobbiamo fare di più al di là della solidarietà europea già espressa. Dobbiamo condividere la ri-nascita.


In effetti sia la copertura delle spese straordinarie sia cospicue “iniezioni” di danaro vengono dall'Europa. In questi giorni ci si gioca anche l’idea di una Europa Unita per la mentalità rigida di alcune nazioni: senza pensare alle difficoltà immense che attendono il Regno Unito (per quanto?) che stoltamente non ne fa più parte. Brexit equivale ad essere soli.

Si assiste  anche una crescente solidarietà (internazionale e privata) che lascia ben sperare in una pax sociale.


La burocrazia italiana, talora seconda solo all'apparato russo, va semplificata nell'emergenza, in quanto tende a  rallentare l’accesso ai fondi stanziati. Si deve fare di più e meglio. In questo clima comunque a rallentare ci si mettono anche gli Sciacalli, sotto forma di hacker che attaccano i siti di pubblico servizio. Possibile che ci facciamo la guerra tra “poveri”? Onestamente, senza essere complottisti, io credo che si tratti di centri informatici pagati per destabilizzare l’Europa libera. Assurdo? 

Hacker-Sciacalli sono una realtà. Conosciamo già la esistenza di "Bestie" che a livello informatico dividono e catturano attraverso la rabbia sociale. 


E quanti “cattivi” incontriamo anche nelle file del supermarket o alla banca che con sorriso diabolico non indossano la mascherina, malgrado i più li invitino a farlo? Tutto in spregio delle misure di sicurezza interpersonale.
Io preferisco gli esempi civici e, quando mi decido a parlare è solo dopo aver ascoltato, dopo aver verificato a livello culturale, e dopo aver ponderato le parole. “Ma come? - obietterà qualcuno - dai dello Sciacallo agli altri che la pensano diversamente e pretendi di essere rispettato?”. Scusatemi se vi ho offeso più di quanto facciate voi con voi stessi, amo la dialettica ed accetto critiche. Lezioni di etica no, non le accetto dagli Sciacalli. 
E' in arrivo una strana Pasqua con coprifuoco. 

Vi auguro una buona Pesach (dall'ebraico: "passaggio") perché siamo di passaggio e in passaggio.


In tema pasquale, da laico, voglio fare una citazione da Paolo di Tarso:
10 Vi esorto pertanto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire. 11 Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato dai familiari di Cloe che tra voi vi sono discordie. 12 Mi riferisco al fatto che ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «Io invece di Cefa», «E io di Cristo». 13 È forse diviso il Cristo? 

[Dalla Prima lettera (autentica) ai Corinzi]




(achille miglionico)

  • Da leggere: "Quando mio marito Carlo Urbani fermò il virus" articolo su:  
  • http://www.vita.it/it/article/2020/03/22/quando-mio-marito-carlo-urbani-fermo-il-virus/154564/


NOTE: 

  • “Sciacallo” (da Dizionario TRECCANI)): 2. “fig. Persona che approfitta delle altrui sventure per rubare; in partic., chi, in occasione di cataclismi o eventi bellici, saccheggia case e luoghi abbandonati, deruba cadaveri o persone indifese; anche chi, nei sequestri di persona, si inserisce con false promesse nelle trattative per trarne profitto; talvolta, più genericam., persona avida, profittatrice….”
  • “Hacker” (da Dizionario TRECCANI): “…..In relazione agli scopi perseguiti,  si distinguono tre differentidi h.: white hat hacker, il cui operato corrisponde a un rigoroso rispetto dell’etica h.; black hat hacker, chi violi illegalmente sistemi informatici con o senza vantaggi personali; grey hat hacker, l’h. cui non siano applicabili queste distinzioni o che passi facilmente dall’una all'altra categoria.” Scegliete voi.


Nessun commento:

Posta un commento

Scomparso Vittorio CATANI, scrittore pugliese di SF

Ci ha lasciati il 23 novembre 2020, lo  scrittore pugliese   Vittorio Catani (Lecce, 17 luglio 1940 – Bari, 23 novembre 2020). Nato a Lecce...